Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie, cliccando 'Rifiuto' nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell'informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l'uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

A Gesù viene impedito di entrare in un villaggio di Samaria.
A un tale che voleva seguirlo, Gesù gli prospetta le difficoltà. A due altri, che Gesù chiama, raccomanda di seguirlo senza esitazione.
Gesù - dice l’evangelista - «si diresse decisamente verso Gerusa­lemme». Lì, Egli sapeva che l’avrebbero ucciso.
Gesù, dunque, corre verso la morte, per la salvezza dell’uomo.
Possiamo dire che Gesù pone prima l’uomo e poi la propria vita.

Strada facendo, Gesù chiama due uomini alla sua sequela. Ma questi non mettono Gesù al primo posto, né sentono l’entusiasmo di andare subito con Lui: uno chiede di andar prima a seppellire suo padre (cioè attendere prima la morte del padre per seguire Gesù; se fosse già morto, Gesù avrebbe riconosciuto il dovere di seppellirlo), un altro vuole andare a casa a salutare i suoi.

Evidente contrasto: Gesù dà tutto e subito, gli uomini no.

Quei due, però, non chiedono nulla di strano o di esagerato. Forse hanno ragione. Vogliono solo adempiere a dei doveri umani, come sep­pellire il papà e salutare i parenti.

Noi daremmo anche ragione agli «amici» di quel tal signore che furono invitati alle nozze di suo figlio, ma non accettarono perché impegnati: uno doveva sposarsi, un altro doveva provare dei buoi, un altro doveva vedere un campo...

Ma Gesù dà torto a tutti, a noi e a loro.

Anche Gesù disse al primo dei chiamati: «lascia che i morti seppelliscano i loro morti»: cioè lascia che chi non segue me - e quindi è morto - si occupi di ciò che è mortale. Al secondo disse: «Nessuno che mette la mano all’aratro e si volge indietro, è adatto per il regno dei cieli»: chi arava doveva concentrare l’attenzione sull’aratro e sui buoi, se non voleva che la punta dell’aratro, incontrando un ostacolo, si alzasse e lo gettasse a terra.

Chi dà tutto, si aspetta tutto!

Non solo le ricchezze materiali possono essere un ostacolo alla chia­mata (come nel caso del giovane ricco, Mc 10,17-27) ma anche i legami di qualsiasi genere: ma Gesù ricorda:

«Chi ama il padre o la madre più di me, non è degno di me: e chi ama il figlio o la figlia più di me non è degno di me» (Mt 10,37).

«Se uno viene a me e non odia il padre o la madre, la moglie e i figli, i fratelli e le sorelle ed anche la sua stessa vita, non può essere mio discepolo» (Lc 14,26).

«Chi non rinuncia a tutto ciò che possiede, non può essere mio discepolo» (Lc 14,33). Questo, per farsi «tutto a tutti... per amore del vangelo» (1Cor 9,18-27). Gli apostoli lo fecero: «Ecco, noi abbiamo abban­donato quello che possedevamo e ti abbiamo seguito» (Lc 18,28): «Quale ricompensa ne avremo?» (Mt 19,27).

 Quando Dio sta al primo posto, tutto - anche la vita - passa al secondo, al terzo e al quarto posto.

Dobbiamo chiederci se troviamo il tempo per la messa, per una breve preghiera, per ricordarci semplicemente di Dio durante le occupazioni quotidiane.

Questo discorso vale soprattutto per i chiamati all’unione più intima con Dio nella vita religiosa.

Gesù non ammette tentennamenti

Gesù vuole vedere in noi la certezza che tutto ci verrà restituito nell’altro mondo: «Chi perde la propria vita per me, la ritroverà» (Mt 10,39).

A differenza di Mc e Mt, Luca riferisce - nello stesso contesto - l’immagine del sale o della responsabilità del discepolo: «Il sale è buono: ma se diventa scipito, come può essere condito?» (Lc 14,34s).

Ciò significa che tutti sono resi capaci di seguire Gesù, a meno che - per propria colpa - non si perda il «sapore», la grazia, il dono, il carisma.

Ma Gesù non si vendica, e resta sempre vero che «ciò che è impossibile agli uomini è possibile a Dio» (Mc 10,27; Mt 19,26; Lc 18,27).

 

 

Dal Santuario

Giornata di preghiera per la pace nel mondo

Le attività del mattino sono per il personale interno della Base Militare "Sirio", non si può partecipare! L'invito è aperto a tutti, ma solo per quanto riguarda ciò che si attiene...

Leggi tutto

ANNO GIUBILARE DI FATIMA

Concessione dell’Indulgenza Plenaria. Per celebrare degnamente il centesimo anniversario delle Apparizioni di Fatima è concesso, per mandato di Papa Francesco, un Anno Giubilare, con l'annessa indulgenza plenaria, dal 27 novembre 2016...

Leggi tutto

Commemorazione della morte della Beata Giacinta

In occasione dei 100 anni dell'apparizione della Madonna del S.Rosario ai tre pastorelli di Fatima, nel giorno della commemorazione della morte della Beata Giacinta, la più piccina dei tre pastorelli...

Leggi tutto

22 Ottobre Festa San Giovanni Paolo II

“Bisogna trasmettere al mondo questo fuoco della misericordia. Nella misericordia di Dio il mondo troverà la pace, e l’uomo la felicità!” (Dall’omelia di San Giovanni Paolo II per la Dedicazione...

Leggi tutto

Festa di Santa Faustina - Settenario di predicazione

“Giovanni Paolo II ha intuito che questo era il tempo della misericordia. All’inizio del suo pontificato ha scritto l’Enciclica Dives in misericordia. Nell’Anno Santo del 2000 ha canonizzato suor Faustina, istituendo...

Leggi tutto

Accoglienza reliquia ex-ossibus del Beato Michele Sopocko

L’Anno giubilare della Misericordia ci sollecita a intensificare ogni sforzo per diffondere la cultura del perdono, della solidarietà e del sacrifico per amore del prossimo. Di incoraggiamento sono, senza alcun...

Leggi tutto

L’arrivo della reliquia di Santa Faustina al Santuario di Cardolo

Direttamente dalla Polonia, il 19 maggio 2016, è arrivata al Santuario San Giovanni Paolo II la reliquia di Santa Faustina Kowasa, canonizzata nel 2000, proprio dal papa polacco. Questo dono preziosissimo...

Leggi tutto

A Feroleto Antico, in Calabria, il primo santuario dedicato a Giovanni Paolo II nel Sud Italia.

E’ posto nel territorio del comune di Feroleto Antico e fa parte della parrocchia di Accaria il primo santuario nel Sud Italia dedicato a Papa Giovanni Paolo II. Questa notizia...

Leggi tutto

Le chiese

La chiesa parrocchiale di contrada Accaria Rosario presenta la classica impostazione morfologica degli edifici per il culto edificati a partire dalla prima metà dell’800. Impostata stilisticamente secondo i canoni dell’architettura sacra di matrice neoclassica, presenta elementi tipici del linguaggio architettonico locale quali la muratura “a rapillu” o “rinzeppata”. Questo...

B.V. Maria del ss. rosario

La chiesa parrocchiale di contrada Quinzi di Serrastretta è un piccolo edificio costruito secondo i canoni dell’architettura sacra di matrice neoclassica che ha determinato la morfologia e l’estetica di molti manufatti architettonici a partire dalla prima metà dell’800. La sua collocazione in un ambito extra urbano e rurale hanno influenzato...

Santa Maria Immacolata Quinzi

La chiesa parrocchiale di contrada Vaiola è costituita da un piccolissimo edificio monocellulari a pianta rettangolare, di dimensioni non superiori a metri 6 di lunghezza per una larghezza di metri 5. Benché di dimensioni ridottissime lo stesso presenta qualche carattere linguistico di derivazione neoclassica...

Santa Maria Immacolata Vaiola

La nuova chiesa inizia la sua attività ordinaria in data 08 Marzo 2009 ad una settimana esatta dalla sua innaugurazione ufficiale. E non poteva che essere Sua Eccellenza Mons. Vincenzo Rimedio, Vescovo Emerito della diocesi di Lamezia Terme, a presiedere la celebrazione liturgica...

Santuario San Giovanni Paolo II

Dal diario parrocchiale

Santuario San Giovanni Paolo II

La chiesa della frazione Cardolo di Faroleto Antico, della Diocesi di Lamezia Terme, inizialmente, dal giorno dell'apertura al culto, avvenuta il 1° marzo 2009, fu intitolata all’"Annunciazione del Signore". Ma il 31 gennaio 2014, all'approssimarsi della canonizzazione del Beato Giovanni Paolo II, i fedeli hanno chiesto al vescovo di riconsiderare tale titolo per poterlo cambiare e dedicare la Chiesa a Giovanni Paolo II, così come era l'intento iniziale del progetto della stessa e, soprattutto, a motivo anche della devozione oramai diffusa a seguito dei fatti di soprannaturale natura, noti anche al vescovo, consistenti in aiuti particolari avuti per intercessione del Beato. L'istanza è stata così accolta e con il rito di consacrazione del nuovo altare, la Chiesa di Cardolo è stata eretta a Santuario Diocesano con dedicazione a San Giovanni Paolo II il 27 aprile 2014. La celebrazione della dedicazione è stata presieduta dal vescovo, monsignor Luigi Cantafora, il quale ha sigillato tale storico avvenimento con la frase del "Gigante di Dio", Karol Wojtyla, “Alzatevi, andiamo!”, che “riassume anche la bellezza del suo pontificato e il dono della sua santità per la Chiesa intera”. Il nuovo Santuario - ha spiegato il vescovo - è per la Diocesi un punto di riferimento ed ha tutte le potenzialità pastorali per essere considerato un centro di spiritualità, un Santuario per approfondire e diffondere il messaggio di Giovanni Paolo II.

Nel Reliquiario, all'interno del Santuario, sono custodite le reliquie di:

San Giovanni Paolo II

San Giovanni XXIII

Santa Faustina Kowalska

Santi Francesco e Giacinta Marto

Santa Teresa di Calcutta

Beato Michele Sopocko