Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie, cliccando 'Rifiuto' nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell'informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l'uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

Solennità del SS Corpo e Sangue di Cristo

Nel brano del Vangelo della solennità del Corpus Domini viene riportato l'episodio della moltiplicazione miracolosa dei pani da parte di Gesù, da sempre interpretato alla luce dell'Eucaristia, cioè del dono del Corpo e del Sangue offerto dal Signore nel cenacolo.

C'è tanta gente intorno a Gesù - 5000 uomini, più le donne e i bambini - perché ha voglia di ascoltare parole di vita e di speranza, ma è sfinita dopo un giorno di cammino sotto il sole, che comincia a declinare. Gesù si commuove, guardandola. I discepoli si preoccupano: Congedala, Signore! Invece, Gesù con la sua risposta imperativa sconvolge tutti: «Date voi stessi da mangiare».

Eppure Gesù sapeva benissimo che i suoi discepoli non erano nelle condizioni economiche adeguate per fare fronte a ciò. I discepoli non capiscono la provocazione e avvisano che sono pochi pani che hanno: «Abbiamo solo cinque pani e due pesci». Un altro evangelista annota: «C'è qui un ragazzo che ha qualche pane...». La sproporzione è talmente evidente... Ma Gesù prosegue: «Fateli sedere», «Fermatevi, pensateci! guardatevi attorno, non vedete?». «Date voi da mangiare!».

È sconcertante la risposta Gesù e fa nascere mille domande, ma una è la più significativa: come si può fare ciò?

Il problema è qui: Gesù vuole svegliare il cuore. Non gli basta che i suoi discepoli lo seguano e li provoca non solo a guardarsi intorno ma soprattutto a guardarsi dentro. Fa in modo che anche la gente guardi nel fagotto delle sue provviste. Mette in crisi tutti. Ed ecco che saltano fuori cinque pani e due pesci; vengono messi a disposizione di Gesù - non sono suoi - sono un dono di Dio! Gesù con la sua fede nell’Onnipotenza del Padre e con la preghiera li trasforma in nutrimento per la moltitudine. In tutto ciò Gesù anticipa ciò che farà di Sé stesso, del suo Corpo e del suo Sangue, anch’essi dono di Dio, assunti nel seno purissimo della Vergine Maria. Egli lo spezzerà, dopo aver reso grazie a Dio, e ne farà il nutrimento per il genere umano. Dalla sera del Cenacolo fino all’ultimo giorno della storia, l’umanità intera potrà così mangiare di quell’unico pane e dissetarsi di quell’unico vino per entrare in possesso della vita eterna. Anche il cristiano, nutrito e dissetato dalla bevanda eucaristica, dovrà farsi Eucaristia per i fratelli; dovrà lui innalzare gli occhi al cielo, chiedere al Signore che benedica la sua vita e che la renda vita spezzata, da consegnare ad ogni uomo perché gustando il dono di Dio, nella pienezza della verità e della grazia, possa entrare nella santità della sua esistenza. Quando si ha questa fede e si prega con il desiderio di farsi cibo di vita per il mondo intero, il Signore risponde dall’alto con la sua benedizione e ci trasforma in dono di vita per i fratelli. Infatti, la forza del cristiano non sono le cose che possiede; sono la sua fede e la sua preghiera, allo stesso modo che la forza di Cristo fu la sua fede e la sua preghiera.

La festa del Corpus Domini, una festa che il popolo cristiano ha voluto per celebrare il regalo di Gesù presente in mezzo a noi, racconta questo percorso.

Gesù è qui: l'aveva promesso. Con molti segni l'ha ricordato alla gente lungo i secoli. Tutte le volte che qualche presbitero, o ladro, o gente distratta ha dimenticato che nell'Eucaristia Lui era vivo, si è fatto sentire, ha dato i segni (si pensi ai miracoli eucaristici avvenuto in tante parti del mondo: basti ricordare, Lanciano, Bolsena, di Torino, ect..).

Gesù nell’Eucarestia dona la Sua nuova vita di risurrezione all’umanità perché possa attraversare il deserto della vita fino al raggiungimento della nuova terra promessa, che è il Paradiso. Gesù, di cui noi ci dobbiamo nutrire, non è solo Pane nuovo, Egli è insieme Pane e Parola di vita eterna; per avere la vita bisogna mangiarlo per intero, nella sua completezza di pane e di parola; mangiarlo soltanto come Pane o Parola, significa non riceverlo, poiché lo si divide e lo si spezza. Chi divide in Cristo il Pane dalla Parola, costui non ha mangiato Cristo secondo verità. L’Eucaristia aiuta la Parola, la Parola favorisce l’Eucaristia, e l’una dona vigore all’altra, purché l’una non sia mangiata senza l’altra. Coloro che hanno il ministero di dare l’uno e l’altro Pane devono vigilare perché l’uno non sia preso senza l’altro. Come il sacerdote fa il Corpo Eucaristico di Gesù, così egli deve fare l’altro pane, gustoso fragrante, della parola per somministrarlo a quanti hanno fame di Gesù e fame di vita eterna.

Dal Santuario

Giornata di preghiera per la pace nel mondo

Le attività del mattino sono per il personale interno della Base Militare "Sirio", non si può partecipare! L'invito è aperto a tutti, ma solo per quanto riguarda ciò che si attiene...

Leggi tutto

ANNO GIUBILARE DI FATIMA

Concessione dell’Indulgenza Plenaria. Per celebrare degnamente il centesimo anniversario delle Apparizioni di Fatima è concesso, per mandato di Papa Francesco, un Anno Giubilare, con l'annessa indulgenza plenaria, dal 27 novembre 2016...

Leggi tutto

Commemorazione della morte della Beata Giacinta

In occasione dei 100 anni dell'apparizione della Madonna del S.Rosario ai tre pastorelli di Fatima, nel giorno della commemorazione della morte della Beata Giacinta, la più piccina dei tre pastorelli...

Leggi tutto

22 Ottobre Festa San Giovanni Paolo II

“Bisogna trasmettere al mondo questo fuoco della misericordia. Nella misericordia di Dio il mondo troverà la pace, e l’uomo la felicità!” (Dall’omelia di San Giovanni Paolo II per la Dedicazione...

Leggi tutto

Festa di Santa Faustina - Settenario di predicazione

“Giovanni Paolo II ha intuito che questo era il tempo della misericordia. All’inizio del suo pontificato ha scritto l’Enciclica Dives in misericordia. Nell’Anno Santo del 2000 ha canonizzato suor Faustina, istituendo...

Leggi tutto

Accoglienza reliquia ex-ossibus del Beato Michele Sopocko

L’Anno giubilare della Misericordia ci sollecita a intensificare ogni sforzo per diffondere la cultura del perdono, della solidarietà e del sacrifico per amore del prossimo. Di incoraggiamento sono, senza alcun...

Leggi tutto

L’arrivo della reliquia di Santa Faustina al Santuario di Cardolo

Direttamente dalla Polonia, il 19 maggio 2016, è arrivata al Santuario San Giovanni Paolo II la reliquia di Santa Faustina Kowasa, canonizzata nel 2000, proprio dal papa polacco. Questo dono preziosissimo...

Leggi tutto

A Feroleto Antico, in Calabria, il primo santuario dedicato a Giovanni Paolo II nel Sud Italia.

E’ posto nel territorio del comune di Feroleto Antico e fa parte della parrocchia di Accaria il primo santuario nel Sud Italia dedicato a Papa Giovanni Paolo II. Questa notizia...

Leggi tutto

Le chiese

La chiesa parrocchiale di contrada Accaria Rosario presenta la classica impostazione morfologica degli edifici per il culto edificati a partire dalla prima metà dell’800. Impostata stilisticamente secondo i canoni dell’architettura sacra di matrice neoclassica, presenta elementi tipici del linguaggio architettonico locale quali la muratura “a rapillu” o “rinzeppata”. Questo...

B.V. Maria del ss. rosario

La chiesa parrocchiale di contrada Quinzi di Serrastretta è un piccolo edificio costruito secondo i canoni dell’architettura sacra di matrice neoclassica che ha determinato la morfologia e l’estetica di molti manufatti architettonici a partire dalla prima metà dell’800. La sua collocazione in un ambito extra urbano e rurale hanno influenzato...

Santa Maria Immacolata Quinzi

La chiesa parrocchiale di contrada Vaiola è costituita da un piccolissimo edificio monocellulari a pianta rettangolare, di dimensioni non superiori a metri 6 di lunghezza per una larghezza di metri 5. Benché di dimensioni ridottissime lo stesso presenta qualche carattere linguistico di derivazione neoclassica...

Santa Maria Immacolata Vaiola

La nuova chiesa inizia la sua attività ordinaria in data 08 Marzo 2009 ad una settimana esatta dalla sua innaugurazione ufficiale. E non poteva che essere Sua Eccellenza Mons. Vincenzo Rimedio, Vescovo Emerito della diocesi di Lamezia Terme, a presiedere la celebrazione liturgica...

Santuario San Giovanni Paolo II

Dal diario parrocchiale

Santuario San Giovanni Paolo II

La chiesa della frazione Cardolo di Faroleto Antico, della Diocesi di Lamezia Terme, inizialmente, dal giorno dell'apertura al culto, avvenuta il 1° marzo 2009, fu intitolata all’"Annunciazione del Signore". Ma il 31 gennaio 2014, all'approssimarsi della canonizzazione del Beato Giovanni Paolo II, i fedeli hanno chiesto al vescovo di riconsiderare tale titolo per poterlo cambiare e dedicare la Chiesa a Giovanni Paolo II, così come era l'intento iniziale del progetto della stessa e, soprattutto, a motivo anche della devozione oramai diffusa a seguito dei fatti di soprannaturale natura, noti anche al vescovo, consistenti in aiuti particolari avuti per intercessione del Beato. L'istanza è stata così accolta e con il rito di consacrazione del nuovo altare, la Chiesa di Cardolo è stata eretta a Santuario Diocesano con dedicazione a San Giovanni Paolo II il 27 aprile 2014. La celebrazione della dedicazione è stata presieduta dal vescovo, monsignor Luigi Cantafora, il quale ha sigillato tale storico avvenimento con la frase del "Gigante di Dio", Karol Wojtyla, “Alzatevi, andiamo!”, che “riassume anche la bellezza del suo pontificato e il dono della sua santità per la Chiesa intera”. Il nuovo Santuario - ha spiegato il vescovo - è per la Diocesi un punto di riferimento ed ha tutte le potenzialità pastorali per essere considerato un centro di spiritualità, un Santuario per approfondire e diffondere il messaggio di Giovanni Paolo II.

Nel Reliquiario, all'interno del Santuario, sono custodite le reliquie di:

San Giovanni Paolo II

San Giovanni XXIII

Santa Faustina Kowalska

Santi Francesco e Giacinta Marto

Santa Teresa di Calcutta

Beato Michele Sopocko