Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie, cliccando 'Rifiuto' nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell'informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l'uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

Con la celebrazione dei primi Vespri del Natale, si conclude il tempo dell'Avvento ed inizia il tempo liturgico del Natale che la Chiesa ci invita a vivere non con lo sguardo rivolto al passato, quasi fosse un evento lontano da ricordare, ma col cuore e la mente aperti al presente per accogliere il Signore, proprio Lui, che è il Risorto ed è in mezzo a noi con la sua Parola, col dono del suo Spirito effuso e con il suo Corpo offerto.

La solennità del Natale perciò non evoca solo ricordi del passato, ma suscita – grazie all’azione dello Spirito Santo – viva tenerezza e fattiva bontà e ogni altro dono che il Bambin Gesù è venuto a fare all’intera umanità. Natale è per questo la festa dei doni, meglio ancora la festa del Dono. Nel Verbo Incarnato, infatti, è offerta agli uomini la grazia dell’adozione a figli di Dio. San Luca, l’evangelista del Natale, ci dice che in questo evento Dio si fa vicinissimo all’uomo nel suo Figlio Unigenito, che manifesta nel volto di un bambino la sua tenerezza per i poveri e i peccatori. Luca si preoccupa anche di mostrare come l’evento della nascita di Gesù cambi veramente la storia e la vita degli uomini, soprattutto di quanti l’accolgono con cuore sincero. In Maria, in particolare, l’Evangelista presenta non solo un modello da seguire per accogliere Dio che ci viene incontro, ma anche le prospettive esaltanti che si aprono per chi, avendolo accolto, è chiamato a diventare, a sua volta, dono e strumento della sua visita e annunciatore della sua salvezza. Come i pastori, i quali con grande gioia recatisi a Betlemme su invito dell’angelo e avendo visto il bambino con sua Madre, tornano “glorificando e lodando Dio”, perché sanno di essere stati visitati dal Signore.

A Natale nasce la Vita, nasce l'Amore, nasce il Dio-uomo quale Dono di vita per ogni uomo, nasce Dio in quel Bambino dal grembo verginale di un’umile fanciulla, Maria di Nazaret; nasce assumendo la nostra condizione di poveri, di peccatori, di sfrattati, di abbandonati, di non conosciuti; la condizione di coloro che non sono, che sono rigettati, esclusi, che non hanno posto in questo mondo, che sono di peso, che non hanno nome.

Nella sua nascita Cristo Gesù manifesta anche il nostro peccato, condanna il nostro modo pagano di pensare, di agire, di comportarci. Egli ci manifesta quella falsità satanica che ci ha segnati: egoismo, superbia, vanagloria, idolatria, empietà; rivela il nostro mistero di iniquità che chiude l'uomo in sé stesso e non lo fa aprire né a Dio e né al prossimo. Mentre in Gesù Dio stesso si è fatto vicino e rimane con noi, Dono incomparabile da accogliere con umiltà nella vita di ogni giorno. Ma per noi, oggi, quale significato ha davvero l’evento straordinario della nascita di Gesù Cristo? Quella “buona notizia” che ci reca il Natale per dirci che in Lui - accolto come “Dono di vita e salvezza del Padre” - anche noi diveniamo dono di vita per gli altri, suscita in noi la decisione di esserlo davvero?  Oppure, anche oggi, faremo in modo che come allora per Gesù non ci sia posto nell'albergo del nostro cuore? Se è così, anche oggi, Gesù ripeterà - ancora una volta - che Lui non è venuto per trovare un posto su questa terra, perché la terra non gli appartiene, Lui, il Signore del Cielo, sulla terra c’è stato solo il tempo per salvarci, nascendo in una grotta, non avendo fissa dimora, ha viaggiato come pellegrino, è morto sulla croce, per poi risuscitare dal sepolcro e ritornare al Padre così da assicurarci che - se lo vogliamo – anche per noi vi è un posto nel suo Regno, ma dobbiamo accoglierlo e amarlo. Ed è questo il messaggio del vero Natale: Gesù nasce per amare tutti, non viene per giudicare ma per salvare. Nasce nella povertà di un Grotta per dirci che solo un cuore povero può accoglierlo e con questo cuore cambiare la storia. Ma per questo cambiamento si deve andare al cuore di ogni uomo e ogni donna. Cambiando il cuore cambia l'uomo, si trasforma il mondo...

Pertanto, dipende da ciascuno di noi se è o non è Natale. Infatti è Natale ogni volta che Dio è ospitato in un cuore per cambiarlo rinnovandolo con la luce della sua Parola e la vita della sua Grazia. È Natale ogni volta che Dio è accolto in una famiglia, in un ambiente di lavoro o di divertimento, in una città e in un popolo. Gesù domanda di poter nascere nel quotidiano di ciascuno di noi per vivere, operare, agire, svolgere così la sua missione attraverso noi per la salvezza delle anime.

 

Riflessione sul Natale per la messa vespertina della Vigilia

Dio sceglie un modo abbastanza strano per presentarsi agli uomini: non viene nel mondo con gesti spettacolari, ma decide di nascere come tutti gli esseri umani invece di rivelarsi ai potenti della terra, preferisce i pastori. Perchè? Perchè Dio ama la semplicità e la purezza, l’innocenza. Gesù avrà per tutta la vita un amore particolare per i semplici, per i bambini e per quelli che hanno mantenuto il cuore di bambino anche da adulti. Di fronte a Dio non vale tutto ciò che impressiona gli uomini: non vale l’intelligenza, la bravura, il successo, i soldi, il potere o quant’altro. Dio vuole solo un cuore pronto a riconoscerlo, ad ascoltarlo e a credere alla sua parola. Noi siamo pronti ad ascoltarlo? Sappiamo credere che quel bambino del presepio è il Figlio di Dio?

E sappiamo, come i pastori, riferire anche agli altri quello che Dio rivela per mezzo del Suo divin Figlio nato come un bimbo comune? Oppure abbiamo paura dell’incredulità ormai diffusa e mascherata anche in chi è cristiano? Forse paura delle prese in giro degli altri?

E poi, sappiamo lodare Dio e glorificarlo per quello che fa, ha fatto e farà per ognuno di noi? Oppure continueremo a trascorrere il solito Natale che – solo a causa della pandemia in corso - non sarà certo come tutti gli altri?

In realtà questo bambino avrebbe compiuto la più grande e difficile vittoria che si potesse immaginare. Non ha vinto i nemici di Israele, non ha eliminato i Romani. Del resto, a che sarebbe servito? Sappiamo benissimo che molti grandi generali, Alessandro Magno, Giulio Cesare, Napoleone hanno avuto vittorie strepitose sui loro nemici; ma poi sono morti, ed i loro imperi sono stati invasi da altri nemici più forti e peggiori dei precedenti.

Gesù invece non ha combattuto nessuno. Al contrario, è stato tradito dai suoi amici, consegnato ai nemici, torturato e messo a morte. Però poi è risorto, ed ora vive per sempre alla destra del Padre. Prima di andarsene ha promesso che lo stesso succederà anche a noi: anche noi risorgeremo con Lui ed avremo la vita eterna. Forse questo ci sembra difficile a credersi, o addirittura impossibile. Come è possibile che i morti risorgano ed abbiano la vita eterna? Da un punto di vista umano, non è possibile. Se però crediamo che Gesù è il Figlio di Dio e che ci ama, allora crederemo anche alla sua promessa.

Per vedere la risurrezione dovremo aspettare fino al giorno della seconda venuta di Cristo. Oggi però possiamo sperimentare i frutti dell’altra sua grande Vittoria, una Vittoria ancor più difficile di quella sulla morte: la vittoria sul peccato. Il peccato è infatti un nemico ancora peggiore, ancor più pericoloso della morte stessa. Esso uccide tutto ciò che di bello ha l'uomo, e soprattutto gli toglie la grazia, cioè l’amicizia con Dio. Il peccato assume un aspetto attraente, e ci fa credere che sia giusto quello che invece offende Dio e fa male ai fratelli.

 Gesù invece ci libera da questo nemico; per questo Egli è venuto sulla terra ed ha deciso di morire, Lui che avrebbe potuto restarsene per l’eternità nel suo regno dove non esiste alcun male. Noi però notiamo che il male esiste ancora, non soltanto quello che vediamo ogni giorno al telegiornale, ma anche quello che sperimentiamo di persona, sia quando lo subiamo, sia quando siamo noi a commetterlo. Che significa, dunque, dire che il Signore ci libera dal male? Significa dire che ci dà la possibilità di fare il bene. Gesù insegna ad amare Dio come un Padre e gli uomini come se fossero tutti nostri fratelli. Il Vangelo, difatti, ci presenta un Dio che ama gli uomini e che desidera la loro salvezza. Nella nostra vita abbiamo tante occasioni di sperimentare l’amore e la salvezza di Dio, ma a Natale siamo chiamati a farlo in modo particolare, proprio per la grande gioia della nascita del nostro Salvatore che ha posto la sua presenza in mezzo a noi. Al Signore dobbiamo esprimergli la nostra gratitudine e la nostra volontà di amarlo. Questo stesso spirito di gioia ci deve accompagnare per tutti i giorni del nuovo anno, donando a quanti ci incontreranno la testimonianza dell’incontro che con Gesù abbiamo vissuto.

Dal Santuario

Giornata di preghiera per la pace nel mondo

Le attività del mattino sono per il personale interno della Base Militare "Sirio", non si può partecipare! L'invito è aperto a tutti, ma solo per quanto riguarda ciò che si attiene...

Leggi tutto

ANNO GIUBILARE DI FATIMA

Concessione dell’Indulgenza Plenaria. Per celebrare degnamente il centesimo anniversario delle Apparizioni di Fatima è concesso, per mandato di Papa Francesco, un Anno Giubilare, con l'annessa indulgenza plenaria, dal 27 novembre 2016...

Leggi tutto

Commemorazione della morte della Beata Giacinta

In occasione dei 100 anni dell'apparizione della Madonna del S.Rosario ai tre pastorelli di Fatima, nel giorno della commemorazione della morte della Beata Giacinta, la più piccina dei tre pastorelli...

Leggi tutto

22 Ottobre Festa San Giovanni Paolo II

“Bisogna trasmettere al mondo questo fuoco della misericordia. Nella misericordia di Dio il mondo troverà la pace, e l’uomo la felicità!” (Dall’omelia di San Giovanni Paolo II per la Dedicazione...

Leggi tutto

Festa di Santa Faustina - Settenario di predicazione

“Giovanni Paolo II ha intuito che questo era il tempo della misericordia. All’inizio del suo pontificato ha scritto l’Enciclica Dives in misericordia. Nell’Anno Santo del 2000 ha canonizzato suor Faustina, istituendo...

Leggi tutto

Accoglienza reliquia ex-ossibus del Beato Michele Sopocko

L’Anno giubilare della Misericordia ci sollecita a intensificare ogni sforzo per diffondere la cultura del perdono, della solidarietà e del sacrifico per amore del prossimo. Di incoraggiamento sono, senza alcun...

Leggi tutto

L’arrivo della reliquia di Santa Faustina al Santuario di Cardolo

Direttamente dalla Polonia, il 19 maggio 2016, è arrivata al Santuario San Giovanni Paolo II la reliquia di Santa Faustina Kowasa, canonizzata nel 2000, proprio dal papa polacco. Questo dono preziosissimo...

Leggi tutto

A Feroleto Antico, in Calabria, il primo santuario dedicato a Giovanni Paolo II nel Sud Italia.

E’ posto nel territorio del comune di Feroleto Antico e fa parte della parrocchia di Accaria il primo santuario nel Sud Italia dedicato a Papa Giovanni Paolo II. Questa notizia...

Leggi tutto

Chi è online

Abbiamo 43 visitatori e nessun utente online

Le chiese

La chiesa parrocchiale di contrada Accaria Rosario presenta la classica impostazione morfologica degli edifici per il culto edificati a partire dalla prima metà dell’800. Impostata stilisticamente secondo i canoni dell’architettura sacra di matrice neoclassica, presenta elementi tipici del linguaggio architettonico locale quali la muratura “a rapillu” o “rinzeppata”. Questo...

B.V. Maria del ss. rosario

La chiesa parrocchiale di contrada Quinzi di Serrastretta è un piccolo edificio costruito secondo i canoni dell’architettura sacra di matrice neoclassica che ha determinato la morfologia e l’estetica di molti manufatti architettonici a partire dalla prima metà dell’800. La sua collocazione in un ambito extra urbano e rurale hanno influenzato...

Santa Maria Immacolata Quinzi

La chiesa parrocchiale di contrada Vaiola è costituita da un piccolissimo edificio monocellulari a pianta rettangolare, di dimensioni non superiori a metri 6 di lunghezza per una larghezza di metri 5. Benché di dimensioni ridottissime lo stesso presenta qualche carattere linguistico di derivazione neoclassica...

Santa Maria Immacolata Vaiola

La nuova chiesa inizia la sua attività ordinaria in data 08 Marzo 2009 ad una settimana esatta dalla sua innaugurazione ufficiale. E non poteva che essere Sua Eccellenza Mons. Vincenzo Rimedio, Vescovo Emerito della diocesi di Lamezia Terme, a presiedere la celebrazione liturgica...

Santuario San Giovanni Paolo II

Dal diario parrocchiale

Santuario San Giovanni Paolo II

La chiesa della frazione Cardolo di Faroleto Antico, della Diocesi di Lamezia Terme, inizialmente, dal giorno dell'apertura al culto, avvenuta il 1° marzo 2009, fu intitolata all’"Annunciazione del Signore". Ma il 31 gennaio 2014, all'approssimarsi della canonizzazione del Beato Giovanni Paolo II, i fedeli hanno chiesto al vescovo di riconsiderare tale titolo per poterlo cambiare e dedicare la Chiesa a Giovanni Paolo II, così come era l'intento iniziale del progetto della stessa e, soprattutto, a motivo anche della devozione oramai diffusa a seguito dei fatti di soprannaturale natura, noti anche al vescovo, consistenti in aiuti particolari avuti per intercessione del Beato. L'istanza è stata così accolta e con il rito di consacrazione del nuovo altare, la Chiesa di Cardolo è stata eretta a Santuario Diocesano con dedicazione a San Giovanni Paolo II il 27 aprile 2014. La celebrazione della dedicazione è stata presieduta dal vescovo, monsignor Luigi Cantafora, il quale ha sigillato tale storico avvenimento con la frase del "Gigante di Dio", Karol Wojtyla, “Alzatevi, andiamo!”, che “riassume anche la bellezza del suo pontificato e il dono della sua santità per la Chiesa intera”. Il nuovo Santuario - ha spiegato il vescovo - è per la Diocesi un punto di riferimento ed ha tutte le potenzialità pastorali per essere considerato un centro di spiritualità, un Santuario per approfondire e diffondere il messaggio di Giovanni Paolo II.

Nel Reliquiario, all'interno del Santuario, sono custodite le reliquie di:

San Giovanni Paolo II

San Giovanni XXIII

Santa Faustina Kowalska

Santi Francesco e Giacinta Marto

Santa Teresa di Calcutta

Beato Michele Sopocko