Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie, cliccando 'Rifiuto' nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell'informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l'uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

Il brano evangelico di questa seconda domenica di avvento mette quasi a confronto due mondi: quello dei grandi della terra, e il piccolo mondo di Giovanni. Del mondo dei grandi l'evangelista Luca elenca i nomi di un Imperatore (Cesare Augusto), un Governatore (Ponzio Pilato), due Tetrarchi (Filippo e Lisania), e due Sommi Sacerdoti (Anna e Caifa).
È il mondo fatto di personaggi potenti, numerosi e forse superflui!

Vivono nei grandi palazzi, opprimono i popoli facendosi chiamare benefattori, caricano pesanti fardelli sulle spalle della povera gente senza che essi li tocchino nemmeno con un dito!

Solo apparentemente grandi, sono come «canne sbattute dal vento»: vento delle passioni e delle ideologie, vento delle convenienze sociali e degli opportunismi politici, vento dell’insicurezza della vita. Sotto le «molli vesti» nascondono la più squallida miseria morale, e sono come «sepolcri imbiancati». Mentre, il piccolo mondo di Giovanni è il deserto, fatto di pietre, arsura e alberi stecchiti.

Giovanni, figlio di Zaccaria e di Elisabetta, ritiratosi da giovinetto nel deserto, aveva impostato la sua vita nel segno della più aspra penitenza.

Crebbe così, non come canna sbattuta dal vento, ma da uomo forte, con forti principi. Vestito di pelli di cammello, ostenta una resistenza non comune al sacrificio e alla penitenza. Nutrendosi di locuste e di miele selvatico, educa il cuore all’ascolto di Dio, la bocca e le labbra alla verità per annunciare, denunciare e avvertire senza reticenze.

La sua audacia è tale da lanciare - non impunemente - invettive contro Re e Tetrarchi, Governatori e Sommi Sacerdoti, nel nome della verità, dell'onestà e della giustizia.

Destinato da Dio ad essere il Precursore del Messia, Giovanni interpreta la sua missione in senso spirituale.

A differenza della mentalità corrente, che attendeva un Messia simile ai Cesari, ai Tetrarchi e ai Re - che cercavano la propria gloria e non quella di Dio, e il proprio tornaconto anziché quello delle anime - Giovanni attende il Messia «Agnello di Dio che toglie il peccato del mondo».

Il più grande uomo della storia - come lo definì Gesù - non vestì la porpora né cercò il plauso delle folle, ma si ritirò nel deserto, dando esempio di umiltà, abnegazione e penitenza.

Tra i due mondi, Dio scelse quello di Giovanni Battista.

Sembra dirlo chiaramente Luca: dopo la lunga serie dei grandi, scrive: «la Parola di Dio scese su Giovanni, figlio di Zaccaria, nel deserto» Lc 3,2). Luca  - che all'inizio del suo vangelo assicura di aver indagato «su tutto» fin dall'inizio - non riferisce in che senso la Parola di Dio scese su Giovanni. Ma sembra dircelo quando afferma che Giovanni «percorse tutta la regione del Giordano, predicando un battesimo di penitenza per il perdono dei peccati» (Lc 3,3).

La Parola assegna a Giovanni tre compiti: lasciare il deserto per percorrere «tutta la regione»; sospendere la sua penitenza nel deserto per predicare la penitenza della «conversione» a tutti; dare il battesimo per il perdono dei peccati.

Difatti, non c’è avvento, non c’è preparazione per accogliere degnamente il Signore che viene se non risuona integra e vera la Parola del Signore. Giovanni il Battista prepara la venuta del Messia a causa della Parola vera che lui predica, annunzia, grida nel deserto di questa umanità in cui tutto è inaridito spiritualmente. Può predicare la Parola vera, perché questa è scesa su di lui dal Cielo. È questo il segreto dell’impatto positivo che ha avuto sulla gente. Egli grida all’uomo la conversione, il cambiamento radicale della vita. C’è tutto un lavoro che dovrà essere fatto nel cuore, fino a cambiarlo di natura; bisogna liberarsi dalla vecchia umanità per iniziare a rivestirne una nuova e tutto questo sarà reso possibile perché il Signore ha posto già mano per realizzare la sua salvezza. Ogni uomo sarà messo in condizione di vederla, per accoglierla e farla propria. Come Dio si fece uomo assumendo un cuore di carne, così noi che siamo uomini dobbiamo diventare come Dio assumendo un cuore divino, lo stesso cuore di Cristo. Questo sarà possibile solo se si predica la vera Parola di Gesù che ci chiama alla conversione e alla penitenza, al cambiamento totale della nostra vita, a dare una dimensione nuova alla nostra esistenza.

Senza conversione non c'è salvezza. Ogni uomo deve essere precursore di Cristo, nel senso che ogni uomo deve preparare sé stesso alla sua venuta, chiedendo il perdono dei peccati e impegnandosi a vivere secondo coscienza retta.

Dal Santuario

Giornata di preghiera per la pace nel mondo

Le attività del mattino sono per il personale interno della Base Militare "Sirio", non si può partecipare! L'invito è aperto a tutti, ma solo per quanto riguarda ciò che si attiene...

Leggi tutto

ANNO GIUBILARE DI FATIMA

Concessione dell’Indulgenza Plenaria. Per celebrare degnamente il centesimo anniversario delle Apparizioni di Fatima è concesso, per mandato di Papa Francesco, un Anno Giubilare, con l'annessa indulgenza plenaria, dal 27 novembre 2016...

Leggi tutto

Commemorazione della morte della Beata Giacinta

In occasione dei 100 anni dell'apparizione della Madonna del S.Rosario ai tre pastorelli di Fatima, nel giorno della commemorazione della morte della Beata Giacinta, la più piccina dei tre pastorelli...

Leggi tutto

22 Ottobre Festa San Giovanni Paolo II

“Bisogna trasmettere al mondo questo fuoco della misericordia. Nella misericordia di Dio il mondo troverà la pace, e l’uomo la felicità!” (Dall’omelia di San Giovanni Paolo II per la Dedicazione...

Leggi tutto

Festa di Santa Faustina - Settenario di predicazione

“Giovanni Paolo II ha intuito che questo era il tempo della misericordia. All’inizio del suo pontificato ha scritto l’Enciclica Dives in misericordia. Nell’Anno Santo del 2000 ha canonizzato suor Faustina, istituendo...

Leggi tutto

Accoglienza reliquia ex-ossibus del Beato Michele Sopocko

L’Anno giubilare della Misericordia ci sollecita a intensificare ogni sforzo per diffondere la cultura del perdono, della solidarietà e del sacrifico per amore del prossimo. Di incoraggiamento sono, senza alcun...

Leggi tutto

L’arrivo della reliquia di Santa Faustina al Santuario di Cardolo

Direttamente dalla Polonia, il 19 maggio 2016, è arrivata al Santuario San Giovanni Paolo II la reliquia di Santa Faustina Kowasa, canonizzata nel 2000, proprio dal papa polacco. Questo dono preziosissimo...

Leggi tutto

A Feroleto Antico, in Calabria, il primo santuario dedicato a Giovanni Paolo II nel Sud Italia.

E’ posto nel territorio del comune di Feroleto Antico e fa parte della parrocchia di Accaria il primo santuario nel Sud Italia dedicato a Papa Giovanni Paolo II. Questa notizia...

Leggi tutto

Chi è online

Abbiamo 58 visitatori e nessun utente online

Le chiese

La chiesa parrocchiale di contrada Accaria Rosario presenta la classica impostazione morfologica degli edifici per il culto edificati a partire dalla prima metà dell’800. Impostata stilisticamente secondo i canoni dell’architettura sacra di matrice neoclassica, presenta elementi tipici del linguaggio architettonico locale quali la muratura “a rapillu” o “rinzeppata”. Questo...

B.V. Maria del ss. rosario

La chiesa parrocchiale di contrada Quinzi di Serrastretta è un piccolo edificio costruito secondo i canoni dell’architettura sacra di matrice neoclassica che ha determinato la morfologia e l’estetica di molti manufatti architettonici a partire dalla prima metà dell’800. La sua collocazione in un ambito extra urbano e rurale hanno influenzato...

Santa Maria Immacolata Quinzi

La chiesa parrocchiale di contrada Vaiola è costituita da un piccolissimo edificio monocellulari a pianta rettangolare, di dimensioni non superiori a metri 6 di lunghezza per una larghezza di metri 5. Benché di dimensioni ridottissime lo stesso presenta qualche carattere linguistico di derivazione neoclassica...

Santa Maria Immacolata Vaiola

La nuova chiesa inizia la sua attività ordinaria in data 08 Marzo 2009 ad una settimana esatta dalla sua innaugurazione ufficiale. E non poteva che essere Sua Eccellenza Mons. Vincenzo Rimedio, Vescovo Emerito della diocesi di Lamezia Terme, a presiedere la celebrazione liturgica...

Santuario San Giovanni Paolo II

Dal diario parrocchiale

Santuario San Giovanni Paolo II

La chiesa della frazione Cardolo di Faroleto Antico, della Diocesi di Lamezia Terme, inizialmente, dal giorno dell'apertura al culto, avvenuta il 1° marzo 2009, fu intitolata all’"Annunciazione del Signore". Ma il 31 gennaio 2014, all'approssimarsi della canonizzazione del Beato Giovanni Paolo II, i fedeli hanno chiesto al vescovo di riconsiderare tale titolo per poterlo cambiare e dedicare la Chiesa a Giovanni Paolo II, così come era l'intento iniziale del progetto della stessa e, soprattutto, a motivo anche della devozione oramai diffusa a seguito dei fatti di soprannaturale natura, noti anche al vescovo, consistenti in aiuti particolari avuti per intercessione del Beato. L'istanza è stata così accolta e con il rito di consacrazione del nuovo altare, la Chiesa di Cardolo è stata eretta a Santuario Diocesano con dedicazione a San Giovanni Paolo II il 27 aprile 2014. La celebrazione della dedicazione è stata presieduta dal vescovo, monsignor Luigi Cantafora, il quale ha sigillato tale storico avvenimento con la frase del "Gigante di Dio", Karol Wojtyla, “Alzatevi, andiamo!”, che “riassume anche la bellezza del suo pontificato e il dono della sua santità per la Chiesa intera”. Il nuovo Santuario - ha spiegato il vescovo - è per la Diocesi un punto di riferimento ed ha tutte le potenzialità pastorali per essere considerato un centro di spiritualità, un Santuario per approfondire e diffondere il messaggio di Giovanni Paolo II.

Nel Reliquiario, all'interno del Santuario, sono custodite le reliquie di:

San Giovanni Paolo II

San Giovanni XXIII

Santa Faustina Kowalska

Santi Francesco e Giacinta Marto

Santa Teresa di Calcutta

Beato Michele Sopocko