Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie, cliccando 'Rifiuto' nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell'informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l'uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

Il vangelo di questa domenica parla di una vedova che dona tutto ciò che ha per vivere, credendo nella divina provvidenza, senza alcuna promessa di Gesù o di un altro profeta.

Gesù si trova nel cortile delle donne, dove sono collocati i contenitori in forma di trombe per la raccolta delle offerte. Egli osserva la folla dei pellegrini e devoti che gettano le monete nel tesoro e nel frattempo Gesù avverte i suoi discepoli di guardarsi dagli scribi, vanitosi divoratori dei beni delle vedove. Attirato da una povera vedova, nota che a differenza di tanti ricchi, ella getta nell’imbuto “due spiccioli, cioè un quattrino”. Sono piccole monete di rame che si distinguono facilmente dai sicli d’argento dei ricchi.

E rivolgendosi ai discepoli, Gesù dice loro: “In verità vi dico: questa vedova ha gettato nel tesoro più di tutti gli altri. Poiché tutti hanno dato del loro superfluo, essa invece, nella sua povertà, vi ha messo tutto quello che aveva, tutto quanto aveva per vivere”. Con questo Gesù vuole insegnare che l’offerta a Dio non si misura dalla quantità, ma dall’intenzione che essa esprime. D'altra parte quello che si offre a Dio è ancora un dono che proviene dalla sua azione benefica di creatore. I ricchi pensano di essere generosi con Dio contribuendo alle spese del Tempio con i propri soldi. La povera vedova, mettendo nella sua offerta tutto quello che le serve per vivere, ha consegnato la sua vita nelle mani di Dio come attestazione del suo credere che Dio si prende cura dei piccoli e dei deboli, degli orfani e delle vedove. La generosità di questa vedova significa “fare e dare tutto” con pieno abbandono alla Provvidenza e, di sicuro, vuole significare anche “fare e dare tutto” con amore totale verso il prossimo. E il Padre, che vede “tutto” nel segreto, sarà generoso con chi è generoso! “Una buona misura, pigiata, scossa e traboccante vi sarà versata in grembo”, promette Gesù (cf. Lc 6,38).

Mentre non il premio, ma la condanna è riservata agli scribi usurai: “essi riceveranno una condanna più grave”, dice Gesù. Perché? Gesù associa l'immagine della vedova - che “nella sua povertà ha donato tutto quello che aveva” - con l’immagine degli scribi usurai che donano al Signore ciò che hanno rubato alle vedove e agli indigenti. Tutti vedevano, ma solo Gesù osservava. Agli amministratori del Tempio interessavano di più le ricche donazioni, non importa da dove venissero. Gesù - Figlio di Dio - guarda e vede “nel segreto”, e promette nel suo cuore un grande premio per la vedova nei cieli, e una condanna “più grave” per gli usurai, invece dell'atteso premio per le grandi offerte! Gesù accusa gli scribi di un altro peccato: nomina infatti alcune piccole vanità come il “passeggiare in lunghe vesti, ricevere saluti nelle piazze e i primi posti nei banchetti”, associandolo agli enormi delitti come il “divorare le case delle vedove”. Ma non c'è chi non veda lo stretto rapporto tra quelle vanità e quel delitto: quest'ultimo era commesso solo per soddisfare quelle vanità apparentemente innocenti! Quelle vanità abituavano certi scribi di allora a considerarsi superiori agli altri. E quando gli altri diventano niente, si può liberamente schiacciarli! Gesù ordina perciò ai suoi seguaci di guardarsi di seguirne gli esempi. Marco, inoltre, non dice che la vedova entrò nel Tempio per pregare. Forse se ne sentiva indegna. Forse non aveva neanche la forza e, come il pubblicano della parabola di Luca, non alzava nemmeno gli occhi al cielo e si batteva solo il petto dicendo: “Signore, abbi pietà di me peccatore”. Degli scribi, Gesù dice che ostentavano di fare lunghe preghiere, magari in piedi davanti a Dio come il fariseo della parabola, dopo di essersi vantati di aver gettato nel gazofilacio “molte” monete. Dalla parabola del fariseo e del pubblicano, sappiamo che Dio non accettò la preghiera del primo, ma quella del secondo. Non è possibile, infatti, compiere “in faccia a Dio” il bene associato al male. “Ecco, nel giorno del vostro digiuno... angariate tutti i vostri operai... E forse questo il digiuno che bramo?” (Is, 58,3.5). Il Signore gradisce il sacrificio offerto con cuore puro, come quello del suo Figlio Gesù che “nella pienezza dei tempi, è apparso per annullare il peccato mediante il sacrificio di Sé stesso” (Eb 9,26).

Gesù che conosce l’intimo dell’uomo non si lascia sedurre dalle apparenze, invita anche i suoi discepoli a non lasciarsi ingannare né dalla parvenza di pietà che maschera la vanità, la cupidigia e l’ipocrisia, né dall’apparenza insignificante delle azioni caritatevoli provenienti dai piccoli e dai poveri.

Dal Movimento Apostolico

Inaugurazione incontri di Catechesi 2016/2017

Mercoledì 26 ottobre, alle ore 18:30 nella Chiesa Cattedrale SS. Pietro e Paolo di Lamezia Terme S.E. REV.MA MONS. LUIGI ANTONIO CANTAFORA con una Concelebrazione Eucaristica, darà inizio alla Catechesi...

Leggi tutto

PELLEGRINAGGIO AL SANTUARIO DI SAN FRANCESCO A PAOLA

Carissimi,  Voi sapete che il Signore nostro Gesù Cristo venne sulla nostra terra vivendo da ospite e pellegrino in mezzo a noi. Dal Cielo è disceso, al Cielo è asceso, ma...

Leggi tutto

Dal Santuario

Giornata di preghiera per la pace nel mondo

Le attività del mattino sono per il personale interno della Base Militare "Sirio", non si può partecipare! L'invito è aperto a tutti, ma solo per quanto riguarda ciò che si attiene...

Leggi tutto

ANNO GIUBILARE DI FATIMA

Concessione dell’Indulgenza Plenaria. Per celebrare degnamente il centesimo anniversario delle Apparizioni di Fatima è concesso, per mandato di Papa Francesco, un Anno Giubilare, con l'annessa indulgenza plenaria, dal 27 novembre 2016...

Leggi tutto

Commemorazione della morte della Beata Giacinta

In occasione dei 100 anni dell'apparizione della Madonna del S.Rosario ai tre pastorelli di Fatima, nel giorno della commemorazione della morte della Beata Giacinta, la più piccina dei tre pastorelli...

Leggi tutto

22 Ottobre Festa San Giovanni Paolo II

“Bisogna trasmettere al mondo questo fuoco della misericordia. Nella misericordia di Dio il mondo troverà la pace, e l’uomo la felicità!” (Dall’omelia di San Giovanni Paolo II per la Dedicazione...

Leggi tutto

Festa di Santa Faustina - Settenario di predicazione

“Giovanni Paolo II ha intuito che questo era il tempo della misericordia. All’inizio del suo pontificato ha scritto l’Enciclica Dives in misericordia. Nell’Anno Santo del 2000 ha canonizzato suor Faustina, istituendo...

Leggi tutto

Accoglienza reliquia ex-ossibus del Beato Michele Sopocko

L’Anno giubilare della Misericordia ci sollecita a intensificare ogni sforzo per diffondere la cultura del perdono, della solidarietà e del sacrifico per amore del prossimo. Di incoraggiamento sono, senza alcun...

Leggi tutto

L’arrivo della reliquia di Santa Faustina al Santuario di Cardolo

Direttamente dalla Polonia, il 19 maggio 2016, è arrivata al Santuario San Giovanni Paolo II la reliquia di Santa Faustina Kowasa, canonizzata nel 2000, proprio dal papa polacco. Questo dono preziosissimo...

Leggi tutto

A Feroleto Antico, in Calabria, il primo santuario dedicato a Giovanni Paolo II nel Sud Italia.

E’ posto nel territorio del comune di Feroleto Antico e fa parte della parrocchia di Accaria il primo santuario nel Sud Italia dedicato a Papa Giovanni Paolo II. Questa notizia...

Leggi tutto

Chi è online

Abbiamo 7 visitatori e nessun utente online

Le chiese

La chiesa parrocchiale di contrada Accaria Rosario presenta la classica impostazione morfologica degli edifici per il culto edificati a partire dalla prima metà dell’800. Impostata stilisticamente secondo i canoni dell’architettura sacra di matrice neoclassica, presenta elementi tipici del linguaggio architettonico locale quali la muratura “a rapillu” o “rinzeppata”. Questo...

B.V. Maria del ss. rosario

La chiesa parrocchiale di contrada Quinzi di Serrastretta è un piccolo edificio costruito secondo i canoni dell’architettura sacra di matrice neoclassica che ha determinato la morfologia e l’estetica di molti manufatti architettonici a partire dalla prima metà dell’800. La sua collocazione in un ambito extra urbano e rurale hanno influenzato...

Santa Maria Immacolata Quinzi

La chiesa parrocchiale di contrada Vaiola è costituita da un piccolissimo edificio monocellulari a pianta rettangolare, di dimensioni non superiori a metri 6 di lunghezza per una larghezza di metri 5. Benché di dimensioni ridottissime lo stesso presenta qualche carattere linguistico di derivazione neoclassica...

Santa Maria Immacolata Vaiola

La nuova chiesa inizia la sua attività ordinaria in data 08 Marzo 2009 ad una settimana esatta dalla sua innaugurazione ufficiale. E non poteva che essere Sua Eccellenza Mons. Vincenzo Rimedio, Vescovo Emerito della diocesi di Lamezia Terme, a presiedere la celebrazione liturgica...

Santuario San Giovanni Paolo II

Dal diario parrocchiale

Santuario San Giovanni Paolo II

La chiesa della frazione Cardolo di Faroleto Antico, della Diocesi di Lamezia Terme, inizialmente, dal giorno dell'apertura al culto, avvenuta il 1° marzo 2009, fu intitolata all’"Annunciazione del Signore". Ma il 31 gennaio 2014, all'approssimarsi della canonizzazione del Beato Giovanni Paolo II, i fedeli hanno chiesto al vescovo di riconsiderare tale titolo per poterlo cambiare e dedicare la Chiesa a Giovanni Paolo II, così come era l'intento iniziale del progetto della stessa e, soprattutto, a motivo anche della devozione oramai diffusa a seguito dei fatti di soprannaturale natura, noti anche al vescovo, consistenti in aiuti particolari avuti per intercessione del Beato. L'istanza è stata così accolta e con il rito di consacrazione del nuovo altare, la Chiesa di Cardolo è stata eretta a Santuario Diocesano con dedicazione a San Giovanni Paolo II il 27 aprile 2014. La celebrazione della dedicazione è stata presieduta dal vescovo, monsignor Luigi Cantafora, il quale ha sigillato tale storico avvenimento con la frase del "Gigante di Dio", Karol Wojtyla, “Alzatevi, andiamo!”, che “riassume anche la bellezza del suo pontificato e il dono della sua santità per la Chiesa intera”. Il nuovo Santuario - ha spiegato il vescovo - è per la Diocesi un punto di riferimento ed ha tutte le potenzialità pastorali per essere considerato un centro di spiritualità, un Santuario per approfondire e diffondere il messaggio di Giovanni Paolo II.

Nel Reliquiario, all'interno del Santuario, sono custodite le reliquie di:

San Giovanni Paolo II

San Giovanni XXIII

Santa Faustina Kowalska

Santi Francesco e Giacinta Marto

Santa Teresa di Calcutta

Beato Michele Sopocko