Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie, cliccando 'Rifiuto' nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell'informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l'uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

Feroleto Antico - Direttamente dalla Polonia, il 19 maggio, è arrivata a Cardolo, frazione del comune di Feroleto Antico, la reliquia di Santa Faustina Kowasa, canonizzata nel 2000, proprio dal papa polacco. Questo dono preziosissimo dato al Santuario San Giovanni Paolo II, non rientrerà Più a Cracovia. Don Tonino Fiozzo, insieme ad una delegazione Parrocchiale, è partito per Cracovia il 17 Maggio per ricevere la reliquia corporale dell'Apostola della Misericordia, che è stata concessa dalla Congregazione delle Suore Beata vergine Maria della Misericordia di Cracovia. Al suo arrivo a Lamezia, ad accogliere la teca contenete la reliquia della Santa, una folla di fedeli e il vescovo emerito della parrocchia lametina, mons. Rimedio.

A seguire, un corteo guidato dal parroco don Tonino Fiozzo, dal vescovo Rimedio, dal comandante della stazione dei carabinieri di Pianopoli,  dai sindaci di Feroleto e di Serrastretta e da tante altre autorità e fedeli, i quali hanno accompagnato la reliquia nel santuario dedicato a San Giovanni Paolo II. E’ stata poi celebrata la funzione religiosa, presieduta dal vescovo emerito, nel corso della quale si è parlato di come questo evento tende a rafforzare la fede di tutta la comunità parrocchiale. 

A conclusione della celebrazione liturgica i fedeli hanno potuto baciare la reliquia che sarà esposta ai fedeli per sempre nel santuario, il  quale già ospita quella di San Giovanni Paolo II a cui il santuario è dedicato. “Una richiesta fatta nel mese di febbraio quella di avere proprio a Cardolo questa unica reliquia per la Calabria che, quasi miracolosamente è stata subito accolta”.

FONTE: www.lametino.it