Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie, cliccando 'Rifiuto' nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell'informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l'uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

L'arcivescovo Marek Jędraszewski, metropolita di Cracovia, ha annunciato la decisione di avviare i processi di canonizzazione del Servo di Dio Emilia Wojtyła née Kaczorowska e del Servo di Dio Karol Wojtyła - anziano, genitori di San. Giovanni Paolo II.

Dopo il parere positivo della Conferenza episcopale polacca e l'approvazione della Congregazione per le cause dei santi a Roma, la decisione dell'arcivescovo Marek Jędraszewski era un altro requisito legale per iniziare il processo di canonizzazione di Emilia e Karol Wojtyłów - genitori di Saint. Giovanni Paolo II.

Ufficio Stampa dell'Arcidiocesi di Cracovia

Nei prossimi giorni arriveranno alla parrocchia dell'Arcidiocesi di Cracovia documenti appropriati e i fedeli saranno informati dell'inizio del processo, che sarà invitato a inoltrare alla Curia Metropolitana di Cracovia entro il 7 maggio 2020 qualsiasi documento, lettera o messaggio riguardante i servitori di Dio, sia positivi che negativi.

- Memoria dei genitori di Saint. Giovanni Paolo II, specialmente nelle comunità di Wadowice e Cracovia, era ancora vivo. È passato molto tempo dalla loro morte, ma ci sono ancora persone che conoscevano personalmente i genitori di Karol Wojtyła. Cercheremo di raggiungerli e chiedere loro di testimoniare - afferma p. Andrzej Scąber. L'impiegato della canonizzazione nell'arcidiocesi di Cracovia aggiunge che saranno ascoltati anche testimoni dell'udito, cioè figli o nipoti di testimoni diretti della vita dei servitori di Dio. - Il Papa stesso - in un certo senso - sarà un testimone diretto della santità dei suoi genitori. Ci sono molti testi che confermano che erano persone eccezionali - aggiunge p. Scąber sottolineando che Giovanni Paolo II ricordava spesso suo padre con il quale aveva un'amicizia spirituale interna; ricordava meno sua madre

Ks. Scąber sottolinea che verranno condotti formalmente due processi di canonizzazione separati, il cui compito sarà dimostrare che Emilia e Karol Wojtyłów hanno praticato le virtù in modo eroico, che godono della reputazione di santità e che attraverso la loro intercessione le persone chiedono i favori di Dio. - Questo processo non sarà facile a causa del numero limitato di testimoni oculari, ma possiamo già dire che la documentazione che è stata raccolta - specialmente per quanto riguarda Karol Wojtyła - è molto ampia e mostra che quest'uomo nei prossimi anni di vita si è evoluto verso Ha dato Dio e questa amicizia con Dio a suo figlio, il futuro papa - spiega p. Scaber.

Alle soglie del processo di beatificazione, si può dire che Emilia e Karol Wojtyłów sono i futuri sostenitori della famiglia. - Oggi la famiglia è in crisi - molti divorzi, relazioni di convivenza, bambini abbandonati. La famiglia Wojtyła - come afferma Papa Francesco - sono santi del vicinato - normali e ordinari, che ci mostrano che in una situazione economica molto difficile, durante la malattia, la morte di due bambini, ci si può fidare ed essere vicini a Dio - afferma p. Scaber.

 

Emilia Kaczorowska, che proveniva dalla famiglia di artigiani di un calzolaio, era la figlia di Feliks Kaczorowski e Maria Scholz. Aveva otto fratelli. Nacque il 26 marzo 1884 a Cracovia e fu battezzata nella chiesa di San Nicholas. La famiglia Kaczorowski viveva a ul. Smolensk 15 e frequentò la chiesa delle suore feliciane. Nel 1890, Emilia iniziò la sua istruzione primaria. Ci sono informazioni in letteratura che ha frequentato la scuola delle Figlie dell'amore di Dio, ma i materiali d'archivio della scuola da quel momento non sono sopravvissuti. Quando aveva solo 13 anni sua madre morì.

Karol Wojtyła nacque il 18 luglio 1879 a Lipnik vicino a Biała, come figlio di Maciej Wojtyła e Anna Przeczek nella famiglia di un sarto. Fu battezzato nella chiesa della Provvidenza di Dio a Biała. Nel secondo anno della sua vita ha perso sua madre. Negli anni 1885-1890 frequentò la scuola popolare tedesca di Biała, quindi nel 1890 iniziò a studiare nella palestra tedesca di Bielsko. Nel 1900 fu chiamato a servire l'esercito a Wadowice. Dopo un anno, prestò servizio come caporale e fu diretto alla Scuola di cadetti di fanteria a Leopoli. Nel 1903 finì il suo servizio militare nel grado di plotone e fu in grado di tornare a casa. Decise, tuttavia, che sarebbe rimasto nell'esercito come soldato professionista e prestò servizio come sottufficiale presso l'ufficio del aiutante di Cracovia e un sottufficiale a Wadowice.

Nel 1905, Emilia conobbe l'NCO Karol Wojtyła. La sua proposta di matrimonio fu accettata e il loro matrimonio fu benedetto il 10 febbraio 1906 nella chiesa di San Pietro e Paolo a Cracovia, che era la chiesa parrocchiale per l'Emilia, e la chiesa della guarnigione per Karol. I nuovi sposi diedero alla luce tre figli: Edmund (nato nel 1906), Olga, che morì poco dopo la nascita e il battesimo (1916) e Karol (nato nel 1920), il papa successivo.

Wojtyłów viveva a Krowodrza. Nel 1913, la famiglia si trasferì a Wadowice, dove Karol trovò lavoro presso la Commissione Supplemento dello Stato. Inizialmente, vivevano in ul. Lwowska 257, e vicino alla Piazza del Mercato nella casa in affitto di Chaim Bałamuth (oggi Kościelna 7). Il 1916 fu particolarmente doloroso nella vita di Karol, quando sua figlia Olga morì poco dopo la nascita e il battesimo, e suo fratellastro Józef morì sul fronte. Il 31 ottobre 1918, Karol terminò il suo servizio nell'esercito austriaco come secondo luogotenente e il giorno seguente si arruolò nell'esercito polacco, in cui divenne capo dell'ufficio della Commissione Supplemento Poviat a Wadowice. Le carte di qualifica lo descrivevano come un ufficiale con piena conoscenza del commercio, dell'esperienza e allo stesso tempo umile e amichevole.

Quando Emilia fu per la terza volta in uno stato benedetto nell'autunno del 1919, i medici decisero che la sua gravidanza minacciava la sua vita. Tuttavia, non ha esitato e ha deciso di dare alla luce un bambino. Il 18 maggio 1920 nacque il figlio Karol. Era in buona salute, mentre la madre, secondo le previsioni dei medici, non si riprese dopo il parto. Si sentì peggio e la malattia stava peggiorando. Nel 1924 Karol - un anziano divenne tenente e dopo tre anni a causa della malattia progressiva della moglie si ritirò.

Nel maggio 1929 Karol - junior doveva ricevere la prima Santa Comunione. Tuttavia, la salute di Emilia peggiorò in modo significativo e morì il 13 aprile 1929, dopo aver ricevuto gli ultimi sacramenti in presenza del suo vigile marito. Mass. La cerimonia funebre fu celebrata il 16 aprile nella chiesa di Wadowice e il 17 aprile 1929, fu sepolta nel cimitero di Rakowicki a Cracovia.

Il vedovo si prese cura della casa e dei figli. Nel 1932, il figlio Edmund, un medico di medicina che lavorava per due anni presso l'Ospedale Municipale di Bielsko, fu infettato da un paziente di cui prese volontariamente il trattamento e morì di scarlattina.

Dopo essersi laureato alla Karol Junior nel 1938, suo padre si trasferì con lui a Cracovia. Vivevano a ul. Tyniecka in Dębniki. Suo figlio ha intrapreso studi polacchi all'Università Jagellonica. Quando scoppiò la guerra, padre e figlio tentarono di evacuare a est del paese. Dopo l'invasione dell'esercito sovietico il 17 settembre 1939, tornarono a Cracovia e Karol Junior nel 1940 iniziò a lavorare come lavoratore nell'azienda Solvay nella cava di Zakrzówek. Karol senior in inverno dal 1940 al 1941 iniziò a ammalarsi gravemente. Morì in un appartamento a Tyniecka, il 18 febbraio 1941 per insufficienza cardiaca. Aveva 63 anni. Il suo corpo fu sepolto il 21 febbraio al cimitero Rakowicki di Cracovia accanto a moglie e figlio.

Fonte: https://diecezja.pl/aktualnosci/abp-marek-jedraszewski-oglosil-decyzje-o-otwarciu-procesow-kanonizacyjnych-emilii-i-karola-wojtylow/