Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie, cliccando 'Rifiuto' nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell'informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l'uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

Dalla Diocesi

Presiede l'arcivescovo di Catania Monsignor Salvatore Gristina. Consacranti Bertolone e Cantafora

Sabato 6 luglio alle 17 sarà celebrata nella Cattedrale di Lamezia Terme l'ordinazione episcopale di Monsignor Giuseppe Schillaci, vescovo eletto di Lamezia Terme. A presiedere la celebrazione durante la quale sarà consacrato il nuovo vescovo, l'arcivescovo di Catania Salvatore Gristina. Vescovi consacranti Monsignor Luigi Antonio Cantafora amministratore apostolico della diocesi di Lamezia Terme e Monsignor Vincenzo Bertolone arcivescovo di Catanzaro - Squillace
Una scelta fortemente voluta da Monsignor Schillaci l'ordinazione episcopale nella sua Diocesi e nella Chiesa Cattedrale, Chiesa Madre di tutte le chiese della Diocesi, segno eloquente della relazione profonda che lega il Pastore alla sua comunità diocesana, iniziando così insieme la missione pastorale e il cammino al servizio di Dio e della Chiesa di Lamezia.
La Chiesa di Dio che è in Lamezia, in vista di questo momento di grazia, continua a ringraziare il Signore e a pregare con affetto per il suo nuovo pastore Giuseppe.

Fonte: http://lamezianuova.it/articolo.php?id=2913

Lamezia Terme - “Ministrare non ministrari” (Mt 20,28). “Non per essere servito, ma per servire”. Sono tratte dal Vangelo di Matteo le parole del motto episcopale adottato da monsignor Giuseppe Schillaci, vescovo eletto di Lamezia Terme, laddove l’Evangelista cita le parole di Gesù quando identifica il ruolo fondamentale del “Figlio dell’uomo” mandato dal Padre “non per essere servito ma per servire”. La madre di Giacomo e di Giovanni, figli di Zebedeo, chiede un posto di onore per i figli nel Regno di Dio.  Nelle parole di Gesù ai suoi discepoli si inscrive ogni ministero all’interno della Chiesa, comunità di fratelli e sorelle, che si servono gli uni gli altri, e tra i quali chi ha autorità è servo di tutti i servi come il Cristo.